CulturaTeatro

IL TEATRO, LA SATIRA, LA POESIA, LA MUSICA E… INSOMMA , LA VITA!

Le luci sono spente.

Mi piace venire qui quando non c’è nessuno.Cammino piano e ascolto il rumore dei miei passi sul legno. Queste assi mi parlano. Mi dicono cose che mi piace ascoltare; miliardi di parole che si avvicinano e che aspettano il loro momento.

Chiudo gli occhi e le parole entrano in me. Sogno con loro, mi danno una nuova vita, mi regalano un’altra avventura. E sono naufrago su un’isola , sono Principe di Danimarca, sono poeta spadaccino, sono diavolo sull’altalena, sono un veneziano geloso.

Non sento il caldo, non sento il freddo, la bocca è asciutta, il cuore danza nel petto, e loro, le parole, che si mettono in fila per uscire, una dietro l’altra, con un ordine preciso, con il giusto tono, con la giusta intenzione. E schizzano fuori dalla bocca, entrano in sala, si aggirano tra le file e si appoggiano sui ricordi, aprono porte antiche, trovano lacrime nascoste, rubano risate alla tristezza,ricordano gesti famigliari, ti trascinano in un altro mondo.

Riapro gli occhi. Le parole continuano a girare, in me. Domani saranno qui ad aspettarmi. Domani, quando da dietro il tendone del sipario sentirò le voci degli spietati sognatori, che con un biglietto comprano un viaggio e un po’ della mia vita.

E’ tardi, esco dall’uscita di sicurezza. Lascio dentro applausi e lacrime, risate e emozioni.

E respiro l’aria del mondo. Qui fuori bisogna essere solo bravi ad improvvisare, il resto è un caso.

m e r d a,  ta n t a  m e r d a…

Mostra ancora

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar
Close
Close