AnimaliLife Style

Il linguaggio dei cani: perchè è importante conoscerlo

Al giorno d’oggi i maltrattamenti ai cani sono sempre più diffusi e di conseguenza i loro traumi sono la “causa” principale dell’aggressività o per meglio dire è il modo più istintivo che hanno di comunicare le loro paure, specialmente quando si allontanano e si rifugiano in un angolo a ringhiare o nei peggiori dei casi danno un morso. Di norma si sente dire che ci sono varie razze pericolose tipo rottweiler, dobermannpitbull, ecc… ma siamo cosi sicuri che siano pericolosi per via della razza e non per come noi li “educhiamo”??? Non è di certo prendere un cane e tenerlo tutto il giorno in giardino senza una regolare passeggiata a poterci far credere che lui stia bene e che sia realmente felice. Tutt’altro, è proprio in questo caso che lui si trova in una situazione di stress: ha bisogno di contatto umano e di socializzazione. Quindi anche un cane di razza non ben seguito o maltrattato può diventare un’animale poco gestibile. Come mai però questi ultimi non fanno parte dei cani considerati pericolosi?
Secondo me l’unica razza pericolosa che esiste realmente e per cui non si può porre rimedio è l’essere umano con la sua continua crudeltà…I miei nonni possedevano due cani, un bastardino e un doberman di nome “Paco Grande” ed era buonissimo con tutti. Da piccolina passavo le domeniche in campagna da mia nonna in compagnia dei miei amici a quattro zampe e Paco Grande non mi ha mai fatto nulla nonostante, come si sa, i bambini non sappiano dosare forza e modi di fare. Adorava la mia presenza, passeggiavamo delle ore da soli e non ricordo che mia nonna si sia mai preoccupata nel lasciarmi da sola con lui.
Come detto precedentemente è fondamentale comprendere il loro linguaggio, e il discorso vale per tutti, grandi e piccini anche perché sono soprattutto questi ultimi che amano accarezzare ogni cane che incontrano per strada: è giusto metterli al corrente…ed è per questo che ad aprile è nata un’idea bellissima: la campagna di sensibilizzazione nelle scuole del Rifugio La cuccia, un paio d’ore all’insegna del divertimento ma anche dell’educazione, del rispetto dei nostri amici a quattro zampe il tutto arricchito dalla presenza in aula di un peloso con cui far vedere e spiegare la corretta socializzazione, visto che non tutti i cani amano farsi toccare ed è giusto rispettarli. Parlo per esperienza, poiché qualche anno fa presi un morso da un cane ed è bastato un attimo, una distrazione un solo minimo movimento sbagliato per provocare questa reazione.

E’ importante che ognuno di noi ne conosca il linguaggio proprio per evitare spiacevoli incidenti. A volte mi capita di essere in passeggiata con le mie cagnoline e di incontrare bambini che vogliono accarezzarle: dopo aver raccomandato la madre che solo una di loro ama essere toccata spesso mi sento dire che anche loro hanno un cane e che la loro figlia sa come comportarsi. Ma se succede qualcosa di chi è la colpa? Ovviamente dei cani, perché un cane che fa cosi è aggressivo e la colpa non è mai dei genitori o dei figli che non hanno portato rispetto verso i nostri amici a quattro zampe.

Mostra ancora

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar
Close
Close