AnimaliLife Style

Come ho vinto le mie paure di…

L’amore può aiutare a superare le proprie paure? Può restituirti la sicurezza che hai perso a causa di un incidente che ti ha cambiato il modo di vivere la vita? Può aiutarti a superare il trauma ed a ricredere in te stesso come se nulla fosse mai accaduto? Mi riferisco proprio a quell’episodio, quello sguardo, quel dolore, quello spavento che ti riaffiora alla mente quando meno te lo aspetti e che ti fa venire un brivido lungo la schiena.Io fino ad oggi ho vissuto due episodi spiacevoli nella mia vita.Il primo fu una graffiata in viso da parte del gatto di mia sorella. 
Un trauma che mi portò ad avere fino a quattro anni fa, paura dei gatti e che superai grazie a Sbiccio (ve ne ho parlato nell’articolo scorso).
Il secondo invece, fu il morso di un cane. Tre anni fa infatti bastò una mia piccola disattenzione, un gesto sbagliato ed il cane reagì mordendomi una mano. Questo episodio è ancora nella mia mente e non andrà più via. I primi tempi mi tornava frequentemente in testa, rivivevo tutto l’accaduto, soprattutto la tanta paura di non poter più lavorare (faccio la parrucchiera).Ogni volta che incontravo un cane libero corrermi incontro saltavo dallo spavento, iniziavo a sudare freddo, la paura mi assaliva tanto da farmi sentire impotente. Sapevo benissimo che non veniva con cattive intenzioni ma certe reazioni non si possono controllare, il nostro corpo reagisce in automatico e la paura può prendere il controllo su di noi.Vi chiederete se quel cane l’ho più rivisto. La risposta è sì, e in molte occasioni, ma la paura nei suoi confronti non l’ho mai superata. Mi sono sempre fermata ed accucciata a distanza ma lo ammetto, sempre con paura. L’anno scorso ho cercato di farmi forza e ho fatto una passeggiata con lui, tenuto al guinzaglio da un’amica, io mi tenevo ad una leggera distanza ma nonostante questo avevo il cuore in gola e purtroppo questo viene percepito immediatamente da loro.
La prima cosa che feci per reagire all’episodio fu di sforzarmi di avvicinare ed accarezzare cani estranei (ovviamente chiedendo il permesso al proprietario).

La seconda fu di rivolgermi alla mia amica Giorgia. Lei ha 2 cani di cui uno mordace, un incrocio con un pastore belga e quindi di dimensioni non piccole.. ricordo ancora quando entrai in casa sua. Chiuse entrambi  i cani in una stanza e poi mi fece entrare. La prima cosa che feci fu mettere le braccia conserte, lasciarlo avvicinare ed annusare i miei odori senza guardarlo. Cenai da loro con lui che mi fissava seduto affianco a me. Misi una mano a una certa distanza dal suo muso e fu lui ad avvicinarsi, a leccarmi e così delicatamente lo accarezzai. Fui felice di impegnarmi a vincere questa “”battaglia “” con me stessa. Ogni volta che andavo da loro il bellissimo OM mi correva incontro festoso, mi riempiva di super leccate.. l’ho anche portato al guinzaglio! Vedere il legame che c’era tra Om e la mia amica era stupendo, e mi chiedevo come sarei stata io al posto suo. Avrei mai potuto imparare a instaurare un rapporto cosi bello con un cane con quelle caratteristiche indipendentemente dalla razza? Avrei mai preso coraggio o la mia paura mi avrebbe bloccata ?
Sono sempre stata una persona molto determinata, ho sempre impegnato tutte le mie forze per raggiungere un obiettivo e superare gli ostacoli della vita. A dicembre ho adottato un terzo cane di 7 anni, la mia amata Perla. Ho deciso di prenderla con me nonostante mi avessero avvisata che ha paura dell’uomo e che tende a mordere.

Oggi posso orgogliosamente dire che, dopo tanto impegno ed amore, siamo diventate  una cosa sola.

L’amore e la pazienza sanno sempre regalare emozioni positive e dare la forza a chi ha smesso credere in se stesso!!

Mostra ancora

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar
ENTRA NELLA COMMUNITY
The Bloggest
Close
Close