AttualitàChiacchere coi VIP

INTERVISTA A MAX MANFREDI: IL SUO FAUSTUS!

Lo staff di The Bloggest ha Intervistato Max Manfredi.
Intervista a cura di Amanda Fagiani
Ho il piacere di Parlare con Max Manfredi; eclettico artista del mondo della musica, del teatro e della scrittura. Sono trent’anni che è sulla scena e che stupisce per la sua capacità di Essere, nel mondo dell’Arte.Parliamo del Faustus… uno spettacolo che avrà il suo debutto il 3 di febbraio 2017 al Teatro Garage di Genova. Uno spettacolo che Max elabora dall’inizio della sua carriera.
Sì, sono trent’anni che Max immagina, crea, scrive, produce.Ora, finalmente, potremo vivere la sua Opera. Mi affascina moltissimo sapere che un’opera sia stata incubata… pensata in tanti anni di ricerca, di studio… e che a giorni prenderà vita!
Il Faustus di Manfredi è l’interpretazione del testo di Marlowe.Molti conoscono Il Faust attraverso Goethe.
L’opera scritta da Marlowe, secondo alcuni critici risale al 1590.Il Faustus è un dramma. Narra la storia di uno studioso che, avido di conoscenza tanto da non accontentarsi del sapere accademico, della medicina e della teologia… è rapito dalla curiosità per la magia nera. Gli appare Mefistofele con il quale stipula un patto: Faustus avrà la conoscenza e i servizi del servo di Lucifero per ventiquattro anni, dopo i quali Lucifero s’impossesserà della sua anima.Durante tutta l’opera, Faustus è continuamente consigliato da due angeli, uno buono e uno malvagio.I due angeli rappresentano chiaramente i due lati della natura umana. Per quanto l’angelo buono riesca più volte a suggerire in Faustus il dubbio sulla sua scelta per salvargli l’anima, le minacce di Mefistofele e le apparizioni di Lucifero lo fanno desistere dal proposito di rompere il patto. Fino alla morte. Fino al momento in cui la sua anima sarà dannata.
La prima pubblicazione dell’opera risale al 1604, undici anni dopo la morte di Marlowe e più di dodici anni dalla prima rappresentazione teatrale. 
Max mi racconta di aver ricercato, sognato profondamente dentro questo meraviglioso testo. Lo immagino, nell’arco di questi trent’anni… Le mille sfumature dalle quali nasce un’ispirazione. Pagine consumate… il silenzio della notte che accompagna il pensiero di molti, in un tempo quieto e misterioso.
In una vita, trent’anni sono un tempo abbastanza lungo.Fanno di un bambino, un adulto e un padre.Io non so se Max sia padre… so che il Faustus ha avuto tanta ricchezza di Vita, nella sua preparazione.Questo riempie il mio entusiasmo di fascino e di sospensione.Io sarà tra il pubblico.Aperta a quel che potrò cogliere; vivere.
Il Faustus:“Guarda che l’inferno è dappertutto!”Dice Marlowe… 
Max ci farà vivere un Faustus di Marlowe, quasi alla Beckett.Il suo Faustus.Teatro dell’Assurdo… scelta interessante.Riusciremo a sorridere nonostante il senso tragico della storia.
La colonna sonora dello spettacolo è stata curata da Claudio Lugo: compositore, sassofonista, direttore di ensemble e performer, attivo da venticinque anni nei generi musicali legati alla sperimentazione e alla ricerca.
Troveremo un repertorio di classico/rock liberamente interpretato da Lugo.
Riporto il link al sito di Manfredi:http://www.maxmanfredi.com/Max Manfredi è l’uomo che ha cantato con Fabrizio De Andrè. Di Max lui ha detto: “E’ il migliore di tutti”. Ha pubblicato sei dischi, quattro libri e vinto numerosi premi.
Andrò a vederlo.Andrò a vedere il suo Faustus.Lo recensirò.Con vero piacere.
Amanda Fagiani

Back to top button
Close